I negozi di elettronica hanno bisogno di iniziative in-store

E’ il dato emerso nel corso del Trade – Nuovi scenari per nuovi consumatori che si è recentemente tenuto presso la sede italiana di Deloitte.

 

La sofferenza del settore passa innanzitutto da una crisi dei punti vendita che hanno perso appeal a favore del commercio on-line, ma in generale anche rispetto ad altri punti vendita specializzati che finiscono per spostare le risorse dei consumatori su altre categorie.

 

Stefano Magni, corporate retail senior manager di Samsung Electronics ha illustrato il punto di vista delle aziende, raccontando qual è, per Samsung, la modalità giusta di interagire con i propri partner della distribuzione.

 

«Il punto focale è che occorre capire il consumatore, oggi sovraesposto a suggestion e insight, ricercati e/o forzati su di lui. Diventa quindi indispensabile catturare la sua attenzione, sfruttando anche l’online, per creare traffico sul punto vendita, comprendere il proprio cliente e far sì che ritorni. Il negozio deve aiutare le persone ad arricchire la propria vita, attraverso servizi dedicati. Deve essere il motore del coinvolgimento e offrire un’esperienza unica». Come? Sfruttando la digitalizzazione, la multicanalità e i big data; giocando su istantaneità, geolocalizzazione e convergenza (di prodotti, servizi e soluzioni), proponendo un’offerta segmentata sul target e garantendo un contatto valoriale con il brand (ovvero un’esperienza, magari customizzata).

 

 

Share on: , ,