Incentivi agli elettrodomestici nelle ristrutturazioni edilizie

Confindustria Ceced Italia, l’associazione dei produttori di apparecchi domestici e professionali in Italia, esprime la soddisfazione di tutti gli associati per il provvedimento approvato dal Senato.

 

Nell’attuale drammatica situazione dell’industria (volumi produttivi tornati indietro di 20 anni) e del mercato (-25% negli ultimi quattro anni), la detrazione fiscale allargata a tutti i grandi elettrodomestici delle Classi più elevate di efficienza energetica è una boccata d’ossigeno per il settore in quanto è destinata all’alto di gamma: prodotti che hanno il più elevato contenuto di innovazione e di valori ecologici, sono il punto di forza dell’industria italiana e costituiscono il 70% dell’export di elettrodomestici. E’ un aiuto alle famiglie che intendono sostituire i prodotti obsoleti ed energivori nell’ambito dell’acquisto di nuovi mobili.

 

L’incentivazione, se pure limitata nel tempo, riguarda anche le pompe di calore, la tecnologia più innovativa, basata sulle energie rinnovabili, per climatizzatori e caldaie per acqua calda sanitaria. E’ quindi un segnale particolarmente importante per attivare politiche industriali per il settore: l’energia è uno dei pilastri su cui prevedere misure continue per il rilancio del settore puntando alle tecnologie innovative, le sole che consentono le marginalità economiche vitali per mantenere nel nostro Paese un patrimonio industriale primario.

 

L’estensione agli elettrodomestici delle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie riconosce il valore della filiera che comprende arredi, mobili, elettrodomestici e riguarda anche la distribuzione e i servizi post-vendita. E’ un supporto importante alla strategia di Ceced Italia, tesa alla costituzione del “Sistema Casa”, quale nuova struttura aggregante in ambito confindustriale.

 

 

Share on: , ,