Personal care: salute e benessere diventano hi-tech 

Sorridenti e connessi. Questa l’immagine degli italiani che emerge dalla nuova indagine dell’Osservatorio sull’Igiene Orale di AZ e Oral-B curata dall’Istituto di ricerche Future Concept Lab a Gennaio 2014 .

 

Su un campione rappresentativo di popolazione italiana tra 19 e 64 anni, la classifica dei “desideri di spesa” nel nostro Paese vede al 2° posto gli strumenti tecnologici personali.

 

Per i giovani, sono addirittura il primo oggetto da mettere nel carrello della spesa (36% tra i 19 e i 29 anni) contro l'8,3% degli over 50.

 

A questi ultimi interessano però i gadget Hi-tech per la cura della casa e della persona.

 

Tra gli strumenti tecnologici irrinunciabili per la cura della persona, dopo rasoi elettrici, al secondo posto lo spazzolino elettrico (10%) seguito da asciugacapelli e apparecchi per la depilazione.

 

Si tratta molto spesso di device ricevuti in regalo, che presentano un alto indice di soddisfazione: il 100% di chi ha avuto in dono un dispositivo tecnologico destinato alla salute o alla bellezza lo utilizza regolarmente.

 

“Siamo nell’era della self-technology. Un’epoca che vedrà ogni individuo interconnesso e, contemporaneamente, concentrato sulla propria individualità, sul prendersi cura di sé, del proprio corpo, delle azioni che lo riguardano. La tipologia degli oggetti tecnologici irrinunciabili è dunque legata alla portabilità e all’estensione del sé come fosse un equipaggiamento ormai incorporato” afferma Linda Gobbi, sociologa del Future Concept Lab.

 

Per tutti, l’indicatore di felicità vede la tecnologia protagonista. Usare strumenti e o applicazioni tecnologiche fa sentire più felici (18% degli intervistati) e abbastanza felici (78,2%). Forse per questo circa il 62,3% dei ventenni intervistati afferma che non potrebbe più vivere senza.

 

 

Share on: , ,